Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.finestrasulsalento.com/htdocs/config/ecran_securite.php on line 283
Case popolari a Gallipoli - blog finestrasulsalento

INVIAMI UNA EMAIL

monolocale


trilocale


mono e trilo


CONTATTI

Ecco tutti i modi in cui mi puoi contattare

TELEFONO: 0039 329/6905266


EMAIL: marco19to@hotmail.com o
             marco19to@gmail.com

My status

chiamami o mandami un messaggio con skype quando sono in linea

contattami tramite i social network vicino al menù

ADS

ADS

FACEBOOK

VIDEO

TWITTER

Case popolari a Gallipoli

Pubblicato il: 2012-11-29 15:47:02

Categoria:  News Gallipoli e Salento

Sono passati quattro anni, ma finalmente per 237 nuclei familiari l’attesa potrebbe essere finita. Se non interverranno nuovi intoppi presto il Comune di Gallipoli potrebbe assegnare gli alloggi popolari agli aventi diritto, in gran parte coppie giovani e disabili, che ne hanno fatto richiesta attraverso il bando pubblico stilato durante la gestione del commissario straordinario Angelo Trovato a gennaio del 2008.

Dopo quattro anni è stata finalmente sbloccata la graduatoria provvisoria, consultabile sul sito del Comune di Gallipoli compilata assegnando punteggi specifici in base a requisiti soggettivi del richiedente, per esempio la condizione del suo nucleo familiare, e ai requisiti oggettivi degli immobili.

Sulla questione si era messa al lavoro sin da subito l’amministrazione di centrosinistra guidata dal sindaco Francesco Errico, con l’idea di mettere fine a una grave mancanza, considerato che l’ultima graduatoria per l’edilizia residenziale pubblica del comune risale a circa venti anni fa, come ha sottolineato la vicesindaco e assessore al Patrimonio, Antonella Greco, che ha aggiunto che “si è avuta la volontà di definire una questione che riguarda una tematica, quella della casa, particolarmente sentita, per ovvie ragioni”.

Per il primo cittadino, Francesco Errico, si tratta di

“una ulteriore testimonianza dell’attenzione che vogliamo prestare sul versante sociale. La speranza è che sia un passo avanti verso una maggiore sensibilità dell’amministrazione nei confronti dei cittadini più deboli, le cui voci spesso sono troppo flebili per essere ascoltate da chi prende le decisioni. Come quelle delle 237 famiglie che da quattro anni aspettano una casa".