Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/mhd-01/www.finestrasulsalento.com/htdocs/config/ecran_securite.php on line 283
castello angioino di Gallipoli - blog finestrasulsalento

INVIAMI UNA EMAIL

monolocale


trilocale


mono e trilo


CONTATTI

Ecco tutti i modi in cui mi puoi contattare

TELEFONO: 0039 329/6905266


EMAIL: marco19to@hotmail.com o
             marco19to@gmail.com

My status

chiamami o mandami un messaggio con skype quando sono in linea

contattami tramite i social network vicino al menù

ADS

ADS

FACEBOOK

VIDEO

TWITTER

Il castello angioino di Gallipoli

Pubblicato il: 2013-02-02 13:07:38

Categoria:  News Gallipoli e Salento - Monumenti a Gallipoli e Salento

La Puglia, regione più orientale d’Italia e circondata dal mare, è sempre stata di grande importanza strategica e crocevia di floridi commerci. Per difendere il territorio dalle incursioni dei nemici, sono state costruite sin dall’antichità numerose fortezze, alcune delle quali sono rimaste in piedi fino a oggi a dimostrazione della qualità delle tecniche ingegneristiche e architettoniche dei tempi passati.

Nel Salento si possono ammirare i castelli di Lecce, Otranto, Copertino, Castro, Poggiardo, per citarne alcuni.
Gallipoli, cittadina fortificata sin dai tempi in cui era una colonia della Magna Grecia, non fa eccezione. E in prossimità dell’istmo che collega il borgo antico con la città nuova si erge il Castello Angioino, di epoca bizantina, completamente circondato dal mare.


Costruito in seguito all’assedio angioino del maggio del 1269, sulle macerie di preesistenti bastioni romani, il Castello angioino di Gallipoli venne modificato e ristrutturato più volte dai conquistatori che posero piede in questa zona nel corso dei secoli. La struttura, di pianta quadrangolare, fu dotata a ogni angolo di torri cilindriche e collegata alla città da un ponte levatoio. Le mura sono in tufo, carparo assemblato con cemento, pozzolana e bolo, ma oggi la facciata originale non è più visibile, perché è andata persa con la costruzione del mercato ittico.

Sotto il dominio degli Angioini e degli Aragonesi, durante il XV e il XVI secolo, venne costruito un fossato lungo tutti i lati, mentre nel 1522 per migliorare la difesa della città dagli attacchi provenienti dal mare, venne eretta la torre chiamata il Rivellino.

Progettata dall’architetto senese Francesco di Giorgio Martini, chiamato a Gallipoli dal duca Alfonso di Calabria, la fortificazione, più bassa e più larga delle altre, è staccata dal Castello e lambita dall’acqua. In seguito il fossato venne riempito, mentre gli archi che sostenevano il ponte levatoio vennero interrati.

All’interno del Castello Angioino di Gallipoli si trovano grandi sale con volte a botte e a crociera, cunicoli, gallerie e corridoi. Oggi l’edificio, di proprietà dello Stato, è sede del Comando della Guardia di Finanza, ma durante l’estate, quando l’afflusso di turisti è all’apice, tra le sue mura sono spesso organizzati eventi, mostre e spettacoli culturali.

Nel Rivellino sono ancora custoditi le catapulte e i cannoni originari con cui veniva difesa la città. Dal 1945 la torre è stata usata come cinema all’aperto e oggi anche d’inverno la sala polifunzionale con 800 posti a sedere offre l’occasione di apprezzare film e incontri culturali in una cornice storica ineguagliabile.

Soprattutto la sera, con il gioco di luci proiettate verso le mura, il castello angioino di Gallipoli si integra perfettamente nell’atmosfera romantica della città vecchia.
Tutti i turisti di questa splendida città di mare, soprattutto quelli che soggiornano nelle case vacanza del residence Rosa Virginia possono apprezzare la classica passeggiata gallipolina. Partendo dal residence situato sul lungomare, passando per corso Roma fino ad arrivare alla città vecchia e al castello angioino.